La nostra storia


LA NASCITA E LA MISSION

L’associazione onlus “Con Paola” è nata formalmente nel 2001 ma in realtà essa è nata tre volte.

La prima alla fine del 1999, per volontà di quattro familiari di una persona disabile, Paola, e di una responsabile di un Centro Diurno, la seconda nel febbraio 2001, quando il gruppo iniziale si è ampliato con l’inserimento di nuove persone che hanno apportato esperienze e competenze specifiche, e la terza nel settembre del 2004, con la definizione del profilo di ONLUS, riconosciuto con l’iscrizione al relativo Albo Regionale, e contemporaneamente con l’ampliamento della gamma delle attività.

       la nostra storia 1                                 la nostra storia 2

Dicembre 2001: il primo Natale…                                      …il primo convegno

 

L’Associazione ha mantenendo sempre la stessa finalità principale, creare un centro diurno per disabili mentali quale risposta ad un problema comune e molto sentito da tante famiglie dell’Hinterland cosentino. Nel tempo è andata definendo in modo sempre più preciso la propria mission: “Intraprendere delle attività mirate alla salvaguardia, alla tutela, alla cura, alla prevenzione della salute mentale, con un’azione culturale volta a far capire che la salute mentale è un Bene Comune prezioso, che interessa tutti, non solo il malato ed i suoi familiari”.

Infatti, come familiari di una disabile mentale, Paola, ci siamo posti l’obiettivo di da dare vita ad un centro dove ognuno fosse libero di essere quello che è, un luogo dove incontrarsi, ritrovarsi con la comunità e possibilmente percorrere un cammino di crescita individuale e sociale. E così all’iniziale gruppo di familiari si sono aggiunti dei sostenitori che hanno condiviso il percorso finora perseguito.

 

ONLUS “CON PAOLA” CRESCE

Il primo periodo di vita dell’associazione (2001 – 2004), che potremmo chiamare “Del Volontariato”,  ha coinciso con l’apertura del centro diurno ed è stato caratterizzato da una vasta presenza di volontari, in maggioranza donne, entusiasti e con tanta voglia di mettersi in gioco.

la nostra storia 3

È la fase in cui sono stati realizzati vari percorsi formativi di gruppo, i più partecipati quelli sul mondo emozionale e l’handicap e sull’analisi transazionale.

la nostra storia 4

Sono stati i volontari ad organizzare annualmente nel mese di giugno, la “giornata della solidarietà” che ci ha consentito di aprire il centro alla comunità.

In quei primi anni  è stato costituito il gruppo di auto aiuto per genitori con figli diversamente abili (progetto “Sumpasco”, che ottenne il patrocinio ed il sostegno dell’Amministrazione provinciale di Cosenza).  Vennero anche avviati i primi percorsi per giovani che portarono alla realizzazione del progetto “Ciao e poi…” (un primo tentativo di percorso formativo psicologico per giovani che avevano nel proprio gruppo familiare un disabile mentale).

 

APRIRSI AGLI ALTRI

Negli anni successivi (2005-2006) si è avviata per Onlus “Con Paola” una fase di profondo Impegno Culturale e l’attività dell’associazione si è rivolta in due direzioni principali:

la nostra storia 5

da una parte cercare forme alternative rivolte alla prevenzione di disagio psichico (l’arteterapia per i minori e gli adolescenti, l’avviamento di uno sportello di counselling psicologico per famiglie e adolescenti), dall’altra coinvolgere maggiormente la comunità e non solo quella locale.

la nostra storia 6

È stato questo il periodo in cui sono stati realizzati vari seminari culturali (sul ruolo della donna, sui modelli comunicativi, sulla famiglia, sulle problematiche adolescenziali), seminari inseriti in programmi culturali finanziati dalla Regione Calabria (LR 16/85).

A iniziare da questi anni è da ricordare anche la partecipazione attiva e propositiva ai percorsi a rete e di crescita individuati da Volontà Solidale – Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Cosenza, che hanno caratterizzato, dal 2005 al 2009, una fase di forte incremento della comunicazione e dello scambio di esperienze tra soggetti del Volontariato e del più ampio mondo del Terzo Settore e delle Istituzioni cosentine.

 

L’AMPLIAMENTO E LA CRESCITA DEI SERVIZI

A conclusione del primo quinquennio di attività risultava evidente quale doveva essere la mission dell’associazione: mettere la salute mentale al centro di ogni attività ed iniziativa. Ne è seguito un biennio (2007-2008) di vera e propria Ristrutturazione, intesa nel senso più ampio e completo del termine. Infatti, con il progetto “Baden”, finanziato dal POR Calabria 2000-2006, lo stabile è stato ristrutturato ed ampliato,

 la nostra storia 7

e il volontariato, che nel frattempo si era affievolito, si è arricchito con i volontari del servizio civile, avendo scelto l’associazione di diventare anche ente di servizio civile. Inoltre, la realizzazione del Progetto di formazione professionale per “Operatrice Centri di Accoglienza Donne in Difficoltà” in attuazione del P.O.R  Calabria 2000-2006 –Asse III “Risorse Umane”, ha permesso alle operatrici e alle volontarie del centro diurno di acquisire una formazione professionale riconosciuta. Importante in questo periodo è stata la sperimentazione di un progetto di animazione per la terza età realizzato con il sostegno dell’amministrazione comunale di Marano Marchesato.

 

LA COMUNITA’ PROTAGONISTA E I PROGETTI INNOVATIVI

Gli ultimi anni (2010-2012) sono stati così importanti anche per le reti e le collaborazioni con altri enti ed associazioni del territorio segnando un passaggio significativo che potremmo definire della “Comunità nel Centro”  . Infatti, accanto alle collaborazioni tradizionali con enti locali e Parrocchia o con il CSV (prima ricordate) si sono aggiunte nuove e preziose collaborazioni tra le quali quella con l’associazione “Giovani Maranesi”.

L’associazione Onlus “Con Paola” in questo percorso ha sempre più acquistato la fiducia della comunità e del territorio, diventando un punto di riferimento per tante persone. È partito così il progetto “Ever Green”, realizzato con il sostegno dalla Caritas Diocesana e con parte dei fondi raccolti con il 5 X 1000.

Un gruppo di giovani ha seguito un percorso formativo per peer educator in grado di accogliere anche coetanei in difficoltà. Insieme ai ragazzi dell’associazione “Giovani Maranesi” si è realizzata un’importante attività di animazione per la terza età sostenuta dall’amministrazione comunale e dalla Parrocchia.

la nostra storia 8

Festa di carnevale

la nostra storia 9

Una collaborazione proficua è iniziata nel 2009 con l’Istituto di Servizi Sociali “Leonardo da Vinci” di Cosenza, gli studenti del quarto e del quinto anno hanno sono stati ospiti della struttura per esercitazioni pratiche (stages formativi) inserite nella programmazione “Scuola – Lavoro”.

L’associazione Onlus “Con Paola” ha aderito in qualità di partner a vari progetti, svolgendo sempre un ruolo attivo e partecipato, ne è la prova il progetto  “Diversamente abili in emergenza”, realizzato dall’associazione di protezione civile “Tutela Civium”, che ha consentito una prima sperimentazione delle procedure di evacuazione da seguire in strutture che accolgono soggetti disabili. Si è trattata di un’esperienza utile e significativa, che è ancora in atto e che ha permesso ad un nutrito gruppo di volontari della protezione civile di entrare in contatto con la disabilità mentale e di avere le conoscenze di base su le persone disabili mentali.

Inoltre, nel mese di novembre 2011 è stata attuata una prova di evacuazione della struttura, prova inserita nell’esercitazione annuale della protezione civile. Infine, tra il 2011 e il 2012 l’Associazione Onlus “Con Paola” ha partecipato alla costituzione della Rete di Protezione Sociale promossa dalla Banca del Tempo – Impresa della Condivisione e della Solidarietà di Rende (BT-ICS), programma sostenuto dalla Fondazione CON IL SUD. Nell’ambito di questa attività alcuni volontari dell’associazione sono stati formati come operatori di rete organizzando anche iniziative presso il Cento di Marano Marchesato e partecipando attivamente a diverse iniziative sul territorio provinciale.

 

IL FUTURO: LA NOSTRA ESPERIENZA PER LA CRESCITA DELLA COMUNITA’

Negli undici anni di attività dell’associazione  il centro socio-riabilitativo diurno “F.lli Tenuta” è divenuto sempre più il nostro punto di forza. In esso abbiamo sperimentato quotidianamente il mutuo aiuto, ci siamo messi in gioco per affrontare serenamente le difficoltà che si incontrano quando si vive con la malattia mentale e si cerca di dare sostegno ai familiari che vivono questo disagio, abbiamo cercato di trasformare la sofferenza in forza di vivere, ma soprattutto in voglia di vivere, di fare, di sorridere, di dare. È arrivato il momento questo di portare il centro nella comunità: non ci basta più portare la comunità dentro il centro, vogliamo dimostrare che con la disabilità mentale si può vivere ed essere protagonisti, che la disabilità non è un ostacolo insormontabile,  e che se la comunità riesce a mettere a disposizione le proprie risorse, non solo quelle economiche, ma soprattutto quelle umane, può crescere e superare gli ostacoli quotidiani. È proprio da tutte le esperienze maturate in questi anni  che prende vita il progetto “Empowering community”, che per noi rappresenta la sintesi del cammino percorso, ma anche e soprattutto la nostra proiezione verso il  futuro.

Lascia un commento: